venerdì 1 agosto 2014

Come tappi di champagne

Sulla stampa mondiale è apparsa la notizia di misteriosi buchi nella steppa siberiana.

Al primo segnalato se ne sono poi aggiunti altri due, più o meno nella stessa zona. Sono fori perfettamente arrotondati, un po' ellittici, profondi anche 70 metri con, almeno nel primo caso, un lago ghiacciato sul fondo.




Come si legge in questo articolo del The Moscow Times russo (da cui deriva anche la foto qui sopra) al primo foro si è aggiunto subito un secondo, identico ma di dimensioni molto inferiori.

In questo articolo del Time, che presenta un video interessante, si fa riferimento anche ad alcune ipotesi avanzate: la caduta di meteoriti o l'esplosione di sacche di metano già intrappolate al di sotto del permafrost ghiacciato e rilasciate per il suo scioglimento, causato a sua volta dall'aumento delle temperature.

Testimoni parlano di colonne di vapori e di masse in caduta dal cielo: “Observers give several versions. According to the first, initially at the place was smoking, and then there was a bright flash. In the second version, a celestial body fell there.” 

Curioso che gli stessi testimoni offrano versioni che supporterebbero entrambe le cause, l'esplosione del gas e la caduta di piccoli meteoriti.

Una ricca serie di immagini è presentata in questa pagina del Siberian Times, dove si allude anche a impatti di missili e a operazioni aliene non meglio specificate.


Io trovo l'accaduto interessante, e strano il fatto che sulla stampa italiana se ne parli poco.
Anche se non è facile immaginare una fuoriuscita di gas che provochi un foro così perfetto,
nel caso di rilascio di masse di metano dovute allo scioglimento del permafrost, questo sarebbe il segno che il tappo è davvero saltato. 


Se i fori sono stati provocati da attività umane, come ordigni bellici, ci sarebbe da spalancare gli occhi immaginando ordigni da fantascienza. Per non parlare di meravigliose spiegazioni extraterrestri.
Io qui vi invito a godere, per il momento, di queste immagini fantastiche.


Nessun commento:

Posta un commento