domenica 4 novembre 2012

Avviso ai viaggiatori

Se andate in Russia, l'immensa nazione liberata dalle piaghe che le aveva inferto il comunismo, la cara madre Russia oggi restituita alla modernità e al progresso libero e felice, se andate in Russia, per favore, evitate di mettervi nei guai. E state lontani dalle celle e dalle prigioni libere e anticomuniste.


il Daily Mail pubblica una foto terribile, che potrebbe essere stata scattata dallo stesso Magnitsky durante la sua prigionia nel carcere moscovita di Matrosskaya Tishima. Sembra un lager nazista. E invece è una cella della Russia di oggi, in cui sono rinchiuse decine di uomini, tutti seminudi, malnutriti, circordanti dalla sporcizia e dai topi. Secondo le informazioni raccolte da Browder, Magnitsky sarebbe stato costretto a mangiare cibo andato a male, con le larve di scarafaggio dentro la scodella di metallo. Poi le botte e le torture.

Sergei Magnitsky, 37 anni, era un avvocato della Hermitage Capital Managment, finito in carcere in Russia con l'accusa di frode fiscale, subito dopo aver denunciato il sistema di corruzione all'interno di Gazprom, il colosso energetico. Magnitsky è morto nel 2009 in carcere, ufficialmente per arresto cardiaco, ma si sospetta che sia stato torturato a morte.

Testi in corsivo dalla pagina del Corriere che oggi ringrazio ripetutamente

Nessun commento:

Posta un commento