lunedì 22 ottobre 2012

Dio salvi la Grecia (e la Puglia)



Insight: In vulnerable Greece, mosquitoes bite back


By Kate Kelland, Health
and Science Correspondent
Posted 2012/10/22 at 9:30 am EDT

ATHENS, Oct. 22, 2012 (Reuters) — Just when it seems things couldn't get any worse for Greece, the exhausted and indebted country has a new threat to deal with: mosquito-borne diseases.

Species of the blood-sucking insects that can carry exotic-sounding tropical infections like malaria, West Nile Virus, chikungunya and dengue fever are enjoying the extra bit of warmth climate change is bringing to parts of southern Europe.
And with austerity budgets, a collapsing health system, political infighting and rising xenophobia all conspiring to allow pest and disease control measures here to slip through the net, the mosquitoes are biting back.




Proprio quando sembra che nulla possa andare peggio per la Grecia, la nazione, esausta ed indebitata com'è, deve fronteggiare un altro problema: le infezioni portate da zanzare.
Il caldo inusuale che domina la regione del Sud Europa ha attratto specie diverse di zanzare che portano malattie dal nome esotico: malaria, Virus del Nilo, chikungunya  e dengue. E con il taglio delle spese pubbliche, un sistema sanitario al collasso, lotte politiche e xenofobia montante tutto sembra congiurare per il fallimento delle contromisure possibili per evitare che le zanzare tornino a mordere davvero.

(liberamente tradotto da LAV/gigionaz)

L'articolo appena uscito lo trovate qui, se volete continuare a leggere.

__________________________________

Edit: e toh! stamattina, a poche ore dalla scrittura del post, trovo questo caso di Dengue a Parma. Un bell'esempio di come le cose si diffondono a rete (c'è un signore che ritorna dai tropici - mobilità della popolazione umana - vettore del virus. C'è un anomala presenza di zanzare - specie quelle tigre - mobilità come sopra - possibilità di trasmissione del contagio - trasformazione dell'ambiente e del clima). 

Nessun commento:

Posta un commento