lunedì 17 settembre 2012

Ma non ridere come una scimmia!


   Spesso mi chiedono quale sia, secondo me, la specificità che rende l'uomo diverso dagli animali.
Nel passato rispondevo sicuro: il linguaggio.
Nel senso, da linguista dilettante quale sono, di 'insieme codificato da una semantica': ad ogni 'suono' corrisponde un senso, ad ogni significante corrisponde un significato.
   I miei antichi studi di scienze naturali e le mie letture di Lorenz mi avevano fatto conoscere le parole del mondo animale: gesti, posture, colori, movimenti, spruzzi d'orina e via così.
Quindi spiegavo con grande sapienza che il linguaggio, per come lo conosciamo codificato in un dizionario, era solo umano. E questo era quello che aveva portato la civiltà umana ad esprimere un Aristotile, un Cartesio, un Ariosto, uno Shakespeare ed anche, ahimè, un Totti o un Sallusti (nella loro qualità di creatori di parola, sia inteso).

   Poi arrivano i bonobo. Quelle meravigliose scimmiette dedite al sesso libero, inteso come mutua gratificazione. E si scopre che queste scimmie non solo usano vocalizzi-significanti dotati di significato codificato, e perciò riconoscibile da tutti1) ma anche che, in condizioni particolari, un giovane bonobo poteva imparare - e usare - più di 500 parole-simboli in lingua inglese2).


Kanzi con la sua "maestra" Sue Savage-Rumbaugh 

   Allora ok... fino ad ieri, a chi mi faceva la stessa domanda, io rispondevo: il riso.
Solo l'uomo sa ridere, intendendo il riso come l'espressione codificabile dell'emotività3).
Il riso, dicevo, è davvero un dono degli dei per far l'uomo simile a loro.


L'Università di Portsmouth dimostra che l’origine della risata risale ai nostri antenati pre-umani
   Andate a leggere Il topo che rideva 4) nel numero di Settembre de Le Scienze e suggeritemi urgentemente una terza risposta alla domanda, sempre la solita, che prima o poi mi faranno anche quest'anno!

____________________________________
1) "anche in natura, è chiaro che i bonobo hanno un complesso sistema di comunicazione, che usano per coordinare i loro movimenti attraverso la foresta, suddividendosi in piccoli gruppi per andare in cerca di cibo durante il giorno, e riunendosi nuovamente per la notte. Quando i bonobo si raccolgono sugli alberi per preparare i loro ripari notturni, riempiono il tramonto con una sinfonia di trilli da soprano. Le loro vocalizzazioni acute somigliano ai canti di uccelli esotici, rispetto ai più gutturali richiami degli scimpanzé. I nativi Mongandu che vivono a contatto con i bonobo alla base di ricerca di Wamba usano ancora, nella foresta, un linguaggio di fischi che ricorda in modo impressionante i richiami dei bonobo". 
http://www.paniscus.net/sallyjcox.htm

2) "Kanzi cominciò improvvisamente a usare la tastiera che era stata proposta tante volte alla madre, dando prova di aver compreso i simboli e di saperli usare meglio di lei! Kanzi riconosceva quindi il suono, il significato, e sapeva indicare i simboli corrispondenti, di una decina di parole inglesi che nessuno gli aveva insegnato direttamente, ma che aveva solo sentito ripetere spesso! 
Oggi Kanzi sa riconoscere almeno cinquecento parole, e sa usarne attivamente duecento per mezzo dei simboli: una capacità di comunicazione paragonabile a quella di un bambino umano di due o tre anni".

3) talchè se un attore ride per uno scampato pericolo e un altro per l'avvertimento della sua superiorità nei confronti di qualcun altro chi ascolta sa interpretare la differenza nei due sentimenti. E il più delle volte li sa identificare correttamente.

4) Nell'articolo si scopre non solo che i topi ridono (al loro modo, sia inteso) ma che l'autore aveva preso  a visitare un gorilla di 200kg in un certo zoo. E tutte le volte che si avvicinava alla gabbia il gorilla metteva fuori una zampa per farsi fare il solletico. Lo studioso ottemperava e il gorilla, davvero, rideva come una scimmia!
http://www.lescienze.it/edicola/2012/08/31/news/le_scienze_n_529-1202282/ (l'articolo completo può essere letto solo loggandosi, o comprandosi il numero della rivista. Cosa che caldamente consiglio)

6 commenti:

  1. E' vero che l'uomo sorride, ma come diceva il grande Giacomino anche le rondini sorridono e in modo continuo e spensierato a differenza sua.
    Le lingue verbali con il loro carattere di prevaricazione, spiazzamento e riflessività ci differenziano dagli animali. Poi anche l'ingegno, altra grande qualità che ci ha permesso di superare addirittura i confini della terra ed esplorare "l'oltre". Non credo nessuna specie animale sia arrivata a tanto. Queste però sono risposte scontate, ma pensi all'arte! Provi a dare pennelli e tempere o un blocco di creta ad uno scimpanzè. Sicuramente ne verrà fuori qualcosa (..il cosa glielo lascio immaginare), ma certamente non sarà qualcosa scaturito dalla mente, dall'immaginazione e dal cuore, indipendentemente dal risultato finale.
    Già per la musica si potrebbe fare un'eccezione anche se vi si trovano innumerevoli differenze anche in questo campo.
    L'uomo è riuscito a uscire dal suo stato primordiale, a svilupparsi in un modo certamente mirabile cercando sempre di compiere un ulteriore passo avanti. Se si potesse mostrare ad un nostro antenato del 1000 a.C (data a caso) il mondo di ora dire che ne rimarrebbe esterrefatto è poca cosa. Sia chiaro che gli animali sono migliori in molte altre cose di noi. Loro di guerre mondiali non ne hanno ancora fatte e se ne stanno buoni e in silenzio nel loro "angolino naturale" chiedendosi "Ma 'sti umani cosa vogliono da noi? Non stanno mai fermi un minuto!!".

    RispondiElimina
  2. :D Dialogo della Terra e della Luna, o di un Folletto e di uno Gnomo.
    Ciao!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Elogio degli uccelli ;)
      Saluti!

      Elimina
    2. :) Già. Mi riferivo all'idea dell'uomo. Non alla citazione (peraltro, l'operetta che dici non la conosco :) )

      Elimina
    3. Per chi fosse interessato: http://www.leopardi.it/operette_morali17.php

      Elimina
    4. Ah!Sorry!
      Mio malgrado le ritengo un pochino eccessive (al momento), ma vi ho trovato un "humor leopardiano" che prima non conoscevo.
      E' una sorpresa continua quell'uomo!!! ;D

      Elimina