domenica 10 giugno 2012

Il pinguino censurato


Necrofili, stupratori di gruppo:
svelato il vero volto dei pinguini

Uno studio dei primi del Novecento, rimasto segreto finora, rivela le perversioni sessuali degli animali dell'Antartide

Innamorati, disposti al sacrificio e fedeli. Nell'immaginario collettivo - anche grazie a film che ne hanno descritto le lunghe marce tra la neve per tornare a casa - i pinguini sono l'embema della monogamia. Ma una scioccante verità, rimasta segreta per un secolo, emerge ora da uno studio scientifico. «I pinguini di Adelie fanno sesso fra maschi, a volte violentano le femmine, uccidono i pulcini, talvolta i maschi si accoppiano perfino con femmine morte, anche da tempo...». Così scriveva circa un secolo fa il naturalista inglese, George Murray Levick, in un rapporto rimasto chiuso in un cassetto per non scandalizzare la Gran Bretagna dei primi del 900.

La cosa di cui dubito non è tanto la vita allegra dei pinguini, ma il fatto che qualcuno abbia potuto nascondere la scoperta per difendere il pudore dei sudditi di Sua Maestà Britannica. Secondo me l'hanno tenuto nascosto perchè nessun inglese potesse essere chiamato 'pinguino'.

Il perfido pinguino di Amelie
I pinguini, nella loro pinguinità antropomenefreghista, si fanno grasse risate.

3 commenti:

  1. Ho sempre saputo che i pinguini nascondessero qualcosa di losco sotto quell'aspetto coccoloso -.-.
    Linda

    RispondiElimina
  2. Ah! Non sono d'accordo. Il pinguino tende alla perfezione! Mi ha sempre dato l'impressione di essere l'animale che si diverte di più!
    Invece, gli inglesi... con quella faccia mogia mogia!

    RispondiElimina
  3. Ma perchè attribuire comportamenti morali ad un animale?
    Che noia l'Uomo.

    RispondiElimina