giovedì 22 marzo 2012

Personale


Se il fiore del deserto si immaginasse erbaccia... imparerebbe che l'erbaccia non esiste.
Si tratta in realtà di un numero altissimo di piante foraggere. Utili perchè nutrono e belle se viste da vicino. Se uno ascolta con attenzione, può sentire anche delle voci curiose.
Una missione ben superiore a un qualsiasi fiore .



L' erbaccia non è erbaccia!
E' un puntolino che se si espande, vedi te dove arriva!

Il testo di LAV/gigionaz è un omaggio personale, incomprensibile e dovuto.. Foto e foto

PS: Generata dai commenti dei miei collaboratori amatissimi, un'aggiunta che conclude invitando a prendersi cura di se stessi.


8 commenti:

  1. Risposte
    1. Ma grazie! Detto da te fa un piacere particolare :)

      Elimina
  2. Già! Davvero delle belle parole, soprattutto se considerate in senso lato..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dietro a queste parole 'late' ci sono tormenti e deserti. Io mi complimentavo con chi aveva trovato il modo di seguire il principio del piacere e della cura (hai presente, Angelo, 'La Cura' di Battiato? Hai presente come dev'essere una persona che se la canta da sola?).
      Un abbraccio, carissimo Angelo.

      Elimina
  3. Che voglia da prati fioriti mi fa venire, prof!! ;-)
    Perdoni se ho scoperto in lei uno splendido pozzo in cui gettare i miei pensieri... Li può gettare in altre acque torbide, volendo, lontano dalla memoria, ma vorrei che lei sapesse che il solo fatto di aver trovato in lei un ottimo ascoltatore mi alleggerisce il cuore.
    Non se la prenda, ma e' come se, finalmente, l'invisibile destinatario delle mille lettere che ho scritto (e ogni tanto scrivo ancora) abbia trovato la parola (^.^)
    Grazie!! Linda

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :) Corri, che ti viene bene :)
      PS: dovevi conoscermi nella fase precedente, quella di logorrea inesausta. Allora davvero ti sarebbe venuto da correre!

      Diglielo un po', Angelo!? :D

      Elimina
  4. Eh..ebbene sì. :) Una delle poche persone (forse l'unica nel mio caso) che sa ascoltare, capire e leggere tra le righe, ma anche dare dei consigli utili che mettono di buon umore e risollevano certe giornate in cui la malinconia prende un po' il sopravvento e non ci dispiacerebbe avere accanto qualcuno che sia in grado di comprenderci, andando oltre le apparenze per le quali spesso veniamo giudicati negativamente.
    Insomma, prima o poi un monumento ci vorrebbe...o no?! ;)

    RispondiElimina
  5. Adesso! Non si esageri, sotto questo tendone!
    Saluti!

    RispondiElimina