sabato 24 marzo 2012

Ecdyonurus dispar


Oggi, finalmente, me ne sono scappato in mezzo ai monti, su 'da me'.
Sono stato accolto da una schiusa di effimere, di Ecdyonurus dispar (o torrentis, o insignis - non li ho catturati e non posso essere più preciso).
Mi sono trovato in mezzo a una nuvola di moschine che, al termine delle loro poche ore di vita aerea, entusiaste, si davano al sesso. Dopo aver trascorso più di un anno, come larve e ninfe, tra le acque gelide del ruscello sotto casa mia, si godevano il sole e la temperatura primaverile, volavano in alto battendo le ali e si lasciavano cadere giù come piccoli paracadute. Le femmine avevano già le due sacche ovariche appese alla coda. Ogni tanto si vedevano maschio e femmina, avvinghiati, volare assieme senza scomporsi. Otto ali su due corpi che vincevano ogni legge della turbolenza e del caos.
Le trote, dietro i sassi, le aspettavano con grande pazienza.

Chi sa di pesca a mosca conosce la magia del momento, soprattutto oggi che le effimere sono quasi scomparse dai nostri corsi d'acqua, e le schiuse 'a nuvola', qui da noi, sono un ricordo di secoli fa.
L'idraulico venuto per ripararmi i tubi scoppiati dal gelo, col suo rifiuto dell'anticipo ("Prima si fa il lavoro e poi si paga... se no...) ha concorso a farmi credere che questo è il migliore dei mondi possibile.

PS: maledizione. Quando servono, le reflex sono sempre da un'altra parte. Mi sono servito del mio telefonino 'smaffo' per fare due scatti. Nel secondo si vede l'ombra di una moschina sul tetto della mia auto. Lei è in volo, in piena luce Mentre altre si godono il tepore.
Ah! Io credo sempre di più all'idea del 'Terzo paradiso' di Pistoletto. Dobbiamo crederci e volerlo intensamente.



Questo qui sotto è un gioiello di immagini, di una gigantesca schiusa di grandi mosche di maggio (Giant Mayfly) in un fiume ungherese, mi sembra di aver capito. E' narrato dalla splendida voce di Richard Attenbourgh.

Guardatelo su YouTube e a tutto schermo

Qui sotto, ancora, un video che mi ricorda di quando mi credevo Nick Adams.




Testi di LAV/gigionaz, prima foto linkata, foto 2 e 3 scattate dal telefonino (smaffo) dell'autore






Nessun commento:

Posta un commento