lunedì 23 gennaio 2012

L'immagine della settimana - 23.01.2012

Una macchina per la creazione di microfantasmi


   Una delle mie immagini preferite. E' davvero un microdispositivo per la creazione di fantasmi. O una macchina per la produzione di fantasmini, a vostro giudizio.

   Nel cassetto che si vede sulla base si inseriscono gli ingredienti, secondo antiche e affermate ricette.
   Appeso al muro un mio 'dipinto' a complessa base frattale (chaoscope e photoshop), in parte dovuto ad una formula escogitata da un mio amico (Exper, il grande esploratore di spazi del caos). Il tutto modellato, composto e renderizzato con Lightwave 9.x. I fantasmini sono un'immagine ottenuta con Apophysis e sovrimpressa, in Lightwave, utilizzando il canale alpha.
   La musca depicta è una citazione e un omaggio al passato.
   Qui sotto le versioni essential, a fini di documentazione e per far meglio ammirare lo squisito design. :)



Immagini e testo di LAV/gigionaz. Ogni utilizzo a fini commerciali o comunque non etici è proibito.

PS: A grande richiesta del pubblico affezionato, qui sotto metto i filini:


7 commenti:

  1. beddu! anche senza filini :-)

    RispondiElimina
  2. La considero una richiesta :) E ce li metto.

    RispondiElimina
  3. Mmm invenzione interessante direi...Beh, proprio un bel progettino! Fantasioso e particolareggiato come piace al sottoscritto :D
    (non mi torna solo, in alcuni punti, l'effetto "shading" e "soft shadows"..ma è la MISERA considerazione, molto probabilmente ERRATA, di un ormai(ahimè)EX artista..se non per puro hobby).

    RispondiElimina
  4. Per le soft shadows, ammetto che qualche dubbio ce l'ho pur io. Quelle alla base dei due vasi, ad esempio. Che dovrebbero, forse, avere un'inclinazione di qualche grado maggiore (in senso orario).
    Forse.
    Per lo shading, se intendiamo la stessa cosa (cioè i valori delle superfici, canale di colore, di riflessione, di specularità, di diffusione, di rugosità ecc) allora no. Sono un campione di shading :D
    Forse, forse, la zona illuminata nel vaso di coccio è troppo 'tagliata', rispetto a quella in ombra.
    Non lo so. Essendo un mondo di numeri, basta che il programma sia settato per un calcolo con 12 decimali invece che 16, per un'iterazione di riflessioni imposta a 16 invece che 32, per una superficie di irradianza di 2 cm invece che di 4... e saltano fuori altri fantasmi.
    A me piace da morire questo mondo 'eventuale'. ;)
    PS: un artista come te non smette mai di esserlo. Andasse anche al fronte.

    RispondiElimina
  5. (..Grazie per la cosa dell'artista!!).
    Comunque(neanche fosse telepatia)mi riferivo esattamente alle soft shadows alla base dei vasi e alla zona illuminata del vaso di coccio(forse in più solo quel piccolo foglietto a destra che mi sembra troppo luminoso). Ma alla fin fine si tratta di un mondo "eventuale" che non deve per forza seguire le normali leggi fisico/matematiche. E poi si sa che i numeri, per quanto io li adori, sono dei mattacchioni..non stanno mai fermi!
    E' bello così, punto. :D Anzi!E', tra i suoi progetti, quello che mi piace maggiormente insieme a quello riguardante il canto V della Divina Commedia e quell'altro con tutti quei bei palloncini colorati (una gioia per gli occhi!).
    Saluti! :)

    RispondiElimina
  6. Ecco. Quello dei palloncini colorati lo metto la prossima volta. Promesso.

    RispondiElimina