sabato 3 settembre 2011

Una pausa e un quiz

Siamo vicini alla domenica. Una sola immagine e una domanda. Cos'è questa cosa?


Non fate i furbetti e non usate i tasti del mouse :D

    Dopo un giorno la Scalza rispose:
"Cerca M63 A e NGC 7822.
O Cygnus loop.
Se ti piacciono le esplosioni invece devia su Eta Carinae.

Evita le 1a sono solo un gran casino.
Le 1b e le 1c son più belle ;)

E comunque non vale ho fatto lo scientifico sperimentale e l'ultimo anno si studia geografia astronomica ;)"



Morale finale:


BIngo (quasi al 100%)! E' la supernova del 1572, quella vista da Tycho Brahe, O meglio, quello che si vede oggi ai raggi x coll'osservatorio Chandra.
La notizia è qui.

due cose: l'invarianza di scala è un mistero davvero intrigante e che una cellula in apoptosi somigli a una stella morente mi ha sempre prodotto un'estasi esagerata. 
Di poi, sono affascinanti i nomi di certi osservatori.





Cellule in apoptosi, appunto (1 e 2)


Galassie lontane

Il iceo scientifico (sperimentale o no) è una buona scuola :)


   

11 commenti:

  1. Boh, una pianta marina fotografata dall'alto?

    RispondiElimina
  2. Sembrerebbe una palla infuocata :-/

    NotteNotte ;-)
    Namastè

    RispondiElimina
  3. Fuochino....
    Notte, Rosa! ;)

    RispondiElimina
  4. Cerca N63 A e NGC 7822.
    O Cygnus loop.
    Se ti piacciono le esplosioni invece devia su Eta Carinae.

    Evita le 1a sono solo un gran casino.
    Le 1b e le 1c son più belle ;)

    E comunque non vale ho fatto lo scientifico sperimentale e l'ultimo anno si studia geografia astronomica ;)

    RispondiElimina
  5. BIngo (quasi al 100%)! E' la supernova del 1572, quella vista da Tycho Brahe, O meglio, quello che si vede oggi ai raggi x coll'osservatorio Chandra.
    qui: http://www.ras.org.uk/component/content/article/164-obu/1971-our-beautiful-universe-supernova-next-door-no-problem

    due cose: l'invarianza di scala è un mistero davvero intrigante e che una cellula in apoptosi somigli a una stella morente mi ha sempre prodotto un'estasi esagerata.
    Di poi, sono affascinanti i nomi di certi osservatori.

    RispondiElimina
  6. Ecco cosa dovevo farti vedere!
    Un paio di giorni fa' mi hanno passato questo.
    Volevo rigirartelo, ma m'era passato di mente.


    Io che non ho una grande memoria
    faccio tipo catene logiche per ricordare i nomi degli ammassi, delle galassie o delle cose,
    in generale, mi diverte anche per quello.
    Un gioco nel gioco.
    E infatti questa cosa m'è venuta in mente così:
    invarianza --> geometria proiettiva --> Frattali --> articolo.
    Devo prendere meno caffè mi sa =D

    RispondiElimina
  7. Geografia astronomica si studiava anche allo scientifico "normale". Almeno così mi fecero credere.

    RispondiElimina
  8. @La Scalza: Ma le mille grazie per il link a Pollock! Adesso posto una mia immagine (fatta qualche tempo fa) che è un omaggio frattale e matematico a Pollock (l'artista, non quello di PIR :D ).
    Mi piace questa rete di teste. Un brain storming via cavi e fibre ottiche.

    @Zdenek: anch'io feci (feci) il liceo scientifico 'normale' e di geografia astronomica sentii solo l'odore. Il mio profe, poi, chiamava le gocce di pioggia 'idrometeore', ed era un tipo abbastanza eccentrico.

    RispondiElimina
  9. @Gig: No che Pollock di Pir, sacrilegio =D

    @Zde: Si, ma il mio liceo barava.
    Ero in un PNI, ma siccome il laboratorio per l'informatica era finto le ore in più le convertivano in geografia astronomica e fisica.
    Puntiglioso.

    RispondiElimina
  10. Laboratorio per informatica finto! :D :D :D
    So di cosa parli.
    Un bacione :)

    RispondiElimina