giovedì 22 settembre 2011

Neutrini affrettati

   Per tutti i diavoli! Sembra che i neutrini viaggino un po' più svelti dei fotoni! 60 nanosecondi più veloci, da Ginevra al Gran sasso! 60 nanosecondi!
Una notizia clamorosa: se qualcosa può andare più veloce della luce, Einstein si è sbagliato e anche questo limite fisico nel nostro universo è caduto.




   Che poi è questo che rende lo scienziato differente dalla maggior parte di noi, esseri umani della superficie, una testa piena di aria e di vuoto e di libertà in movimento: sempre pronti a dire "mi sono sbagliato" e sempre pronti a curiosare in ciò che non capiscono. E a usare una cosa anche se non la capiscono.
   Già da anni i nostri scienziati maghi maneggiano l'entanglement quantistico, per cui se tu intervieni su una particella qui e ora, c'è una particella, da qualche parte nell'universo, che muta allo stesso modo nello stesso tempo preciso. Là ed ora. 
   Non capiscono perchè. Nessuno lo capisce. Ma, intanto, si sta per costruire un supercomputer quantico, sfruttando, con allegria disimpegnata, questo fenomeno.






A me fanno impazzire queste notizie, perchè, forse, in qualche laboratorio scavato sottoterra esiste ancora il Rinascimento allegro. 


Testo di Lav/gigionaz, img e img

7 commenti:

  1. Perchè l'Universo sa' perfettamente che ogni azione ha sempre delle conseguenze.
    Si spiega, nel senso che nelle sue stropicciature non puoi nascondere nulla, nè dimenticarci nulla.

    Il Rinascimento è sempre allegro è il Decadente che è un pò amaro.

    RispondiElimina
  2. E sticazzi non lo vogliamo mettere?

    RispondiElimina
  3. @La Scalza: 'nelle sue stropicciature'. Oh! Scalza, sei una nomoteta!
    Se si riuscisse a vedere nella 'stropicciatura' quantica del tessuto universale, avremmo delle visioni meravigliose.

    RispondiElimina
  4. @il Russo: me li ero dimenticati... 'Sti cazzi!
    Alla prossima, vecchio marpione.

    RispondiElimina
  5. Hai letto del tunnel gelminiano?

    Questi neutrini, comunque, pare che potrebbero avere utilizzato la stessa velocità di sempre (quella della luce) praticando una scorciatoia (quarta dimensione).

    RispondiElimina
  6. Ah !

    Questa velocità, comunque, è stata calcolata e non misurata.

    RispondiElimina
  7. @Zdenek. Ho letto del tunnel della Gelmini. E di quanto è costato all'impegno italiano.
    Avremo usato manodopera in nero :)

    PS: chiaro, seguendo il flash della Gelmini, cos'è successo: eliminando il buio pesante della roccia, è ovvio che i neutrini dispettosi possano andare più veluce. Veluce ;)

    Ciao!

    RispondiElimina